La cartella del 1988 contiene alcune foto (galleria a sx a scorrimento automatico) di presentazione del programma di produzione relativo a quell'anno.

I punti forti erano enunciati come il potenziamento della 924S ed una versione Clubsport della venerabile 911 Carrera 3.2 (alleggerita di 50 kg e dotata di cambio a corsa ridotta e di limitatore innalzato di 300 giri/min), nonche' una gamma piu' estesa di opzioni disponibili per tutti i modelli.

Ma dicevamo della 924S, che dal 1988 avrebbe avuto la stessa potenza della 944 "base" (160 cv) dal 2.5 aspirato funzionante con benzina senza piombo, in nome della nuova filosofia "stessa potenza, con o senza catalizzatore".

I modelli "exclusive" a tiratura limitata erano 5 (2 924, 2 944 e la "Carrera Giubileo", che celebrava i 250 mila esemplari costruiti della 911, traguardo raggiunto nell'estate 1987).

Se la 924 si limitava ormai alla versione "S", la 944 comprendeva la "base", la versione "S" da 190 cv e la "Turbo" da 220 cv.

Non manca l'anteprima della Porsche 911 Speedster, che sarebbe stata commercializzata solo come modello 1989, mentre il top della gamma rimaneva la Turbo da 300 cv.

Non puo' mancare la supergranturismo 928 S4 da 320 cv, per la quale e' prevista anche la predisposizione al montaggio di un telefono di bordo allacciato sulla rete "C".

I prezzi? Quelli annunciati a Francoforte andavano dai 47.900 DM della 924S ai 152.000 della 911 Turbo Cabriolet.


"Volevamo scrivere qui in motto intelligente ma al momento non ci viene in mente nulla"

line