Visita alla casa natale di Ferdinand Porsche
Vratislavice nad Nisou🇨🇿 (#Maffersdorf)

Ottobre 2020

Casa_Natale_Ferdinand_Porsche.jpg

La Repubblica Ceca conserva ancora molte vestigia dello spirito Mittel-Europeo che permea la vita e le opere della famiglia Porsche. Ferdinand nacque infatti nell'impero austroungarico a Maffersdorf (Regno di Boemia, oggi Vratislavice nad Nisou in Repubblica Ceca. Ferdinand fu addirittura cittadino cecoslovacco dal 1918 al 1934) ... poi le note vicende storiche del nazismo e della seconda guerra mondiale portarono all'evoluzione che tutti noi conosciamo.

Škoda, uno dei gioielli della corona dell'impero (questa volta industriale) VAG ha acquisito anche la proprieta' della casa natale del Prof. Porsche, allestendo un piccolo ma suggestivo museo, parte del circuito che include anche il museo di Mlada Boleslav, sul quale abbiamo effettuato un reportage nei mesi scorsi. La zona e' anche una nota meta turistica, con interessanti percorsi automobilistici che portano verso uno dei luoghi piu' noti della Rep. Ceca, lo Ještěd, una montagna nei pressi di Liberec. La vetta principale tocca i 1.012 metri. Sulla sua sommità sorge l'omonima torre per le telecomunicazioni, simbolo della città. Il monte ha ospitato alcune gare dei Campionati mondiali di sci nordico 2009.

Dicevamo del museo ... oltre alle testimonianze fotografiche delle famiglie Porsche e Piëch ed alle esposizioni temporanee (durante la nostra visita ce n'era in corso una fotografica sulla Porsche alla 24 Ore di Le Mans), si puo' trovare una sezione con alcune informazioni e reperti relativi all'industrializzazione delle terre ceche austroungariche e durante la "Prima Repubblica" Cecoslovacca: utilissimi per collocare storicamente le influeze tecniche e culturali del giovane Ferdinand. Non poteva mancare anche la fedele riproduzione della Porsche 356 "N.1" del 1948, ormai perduta.

La Roadster originale fu immatricolata l'8 giugno 1948 e subì notevoli modifiche nei decenni successivi. Nel 2018 Porsche ha riportato in vita la forma originale della sua prima auto sportiva come show car. Nel 1948, il battilastra Friedrich Weber trascorse due mesi "vestendo" la prima Porsche. L'allestimento originale non è durato molto a lungo, tuttavia, e la roadster cambio' di mano molte volte nel corso degli anni. È stata danneggiata e riparata, modernizzata e convertita. La sua carrozzeria ha continuato a cambiare ma la sua identità è rimasta la stessa. È stato modellato dalla storia. Eppure la sua essenza rimane inviolabile.

Le condizioni originali della “No. 1" sono state quindi perdute per sempre e non possono più essere ripristinate. Ma il suo "abito su misura" è stato ripensato in qualcosa di molto vicino alla forma originale e riprodotto utilizzando gli stessi materiali e tecniche. Questo scrupoloso lavoro manuale d'amore, tuttavia, non poteva essere completato dall'oggi al domani. Nel loro tentativo di creare una copia della carrozzeria della roadster del 1948 fedele all'originale in ogni dettaglio e dimensione, gli esperti del Museo Porsche hanno prima effettuato una scansione 3-D del veicolo esistente. Un computer ha quindi sovrapposto questi risultati virtuali ai disegni di progetto del 1948, anch'essi scansionati. Ciò ha rivelato una serie di deviazioni. Passo dopo passo, i raggi da un punto fisso sono stati modificati per adattarli alla forma originale. I membri del personale dell'archivio hanno consultato tutte le foto originali disponibili, studiato i disegni e analizzato le riviste. Infine, una fresatrice assistita da computer ha ricavato un modello a grandezza naturale dell'auto da un blocco di schiuma rigida.

Quando viene posizionata accanto all'auto del 1948, sono evidenti alcune differenze significative. Il corpo della roadster originale si assottigliava maggiormente verso la parte posteriore. La sua parte anteriore aveva un naso più pronunciato. Il cofano posteriore originale in un unico pezzo, che si ripiegava sul retro, si estendeva dall'abitacolo fino a poco sopra il paraurti posteriore. Successivamente è stata sostituita sulla roadster da una costruzione in due parti con un pannello laterale sopra il motore e un cofano più corto sopra lo spazio di stivaggio posteriore.

Con l'aiuto della gabbia di battitura in legno dell'epoca, una replica dell'originale "No. 1" finalmente ha preso forma la carrozzeria, simile al modo in cui la carrozzeria originale in alluminio è stata realizzata settant'anni fa. Nel 1948 le sue lamiere di metallo furono piegate, tirate e spinte con attrezzi manuali. La stessa meticolosa attenzione ai dettagli si è estesa alla formulazione del colore per la verniciatura della replica. L'auto originale era stata verniciata più volte, quindi sono stati prelevati campioni da sotto il cruscotto e analizzati per riprodurre il colore originale il più fedelmente possibile. Gli accessori d'epoca con quadranti adattati esattamente alle loro controparti originali fiancheggiano il piantone dello sterzo. Anche le stuoie sono annodate nello stesso modo di settant'anni fa.

L'unica cosa che la replica non può fare è correre. Un motore non verrà inserito nel suo telaio a rete e il suo asse posteriore è costituito da un semplice tubo. L'assale anteriore, compreso il sistema di sterzo e il volante, è stato preso da un Maggiolino Volkswagen, come l'originale. In occasione dell'anniversario dei "70 anni delle vetture sportive Porsche", al Museo Porsche è stato inviato il 356 "No. Roadster da 1 "nel mondo. Oggi risiede presso la Rodný dům Ferdinanda Porsche.

L'auto (rigorosamente Porsche, ovviamente) che abbiamo utilizzato in questo raid (meno di 300 km andata e ritorno da Praga, incluse deviazioni turistiche e digressioni culinarie) e' stata "Bellatrix" (1993 964 Turbo 3.6 "black on black"). Le strade della regione non sono male e le ottime autostrade consentono anche alcune opportunita' per allunghi e sgranchire la cavalleria, sempre facendo attenzione ai controlli radar ed al traffico del rientro, sempre molto sostenuto nel fine settimana.