Nel 1978 un prestigioso trofeo mancava ancora nell'incredibile palmares della Porsche 911 e della casa di Stoccarda: una vittoria al Safari Rally. Per conquistare il prestigioso trofeo il Direttore sportivo Manfred Jantke aveva deciso di tirare fuuori l'artiglieria pesante per il XXVI Rally Safari del Kenia.

Si trattava della quarta partecipazione ufficiale della cavallina tedesca, che aveva finora raccolti due secondi ed un quarto posto.
Per l'occasione furono schierate due 911 SC ufficiali ai colori Martini, una per la leggenda Björn Waldegård in coppia con il fido Hans Thorszelius.
Lo svedese aveva trionfato l'anno precedente al volante di una Ford e grazie al forfait del team ufficiale, pote' balzare ai comandi della 911.
La seconda fu affidata alle capaci mani dello specialista locale Vic Preston jr. coadiuvato da Lyall.

L'epilogo non fu pero' cosi' fortunato: i francesi Jean-Pierre Nicolas / Jean-Claude Lefebvre condussero alla vittoria la Peugeot 504 V6 coupé, portando il numero di successi della casa transalpina a sei.
Favorita della vigilia, l'équipe Porsche si dovette accontentare del secondo posto assoluto grazie a Preston; le 911 si rivelarono piu' fragili delle loro concorrenti a livello di sospensioni e trasmissione.
La Datsun di Aaltonen completo' il podio, grazie alla rapidita' dell'assistenza della casa nipponica che gli permise di far fronte alla rimonta di Waldegård, che rimase ai piedi del podio e fu il grande perdente della competizione.
A tutt'oggi, nel 2018, la casa di Stoccarda ancora non e' riuscita ad aggiudicarsi questo torneo maledetto; se non cambieranno le regole, pensiamo non potra' piu' farlo ... da quando poi la prova e' uscita dal circuito iridato nel 2003 non ha neppure piu' molto senso. porsche porsche


"Volevamo scrivere qui in motto intelligente ma al momento non ci viene in mente nulla"

line